Close

Login

Close

Register

Close

Lost Password

007 – No Time to Die, la fine di un mito…o forse, no?

007 – No Time to Die, chiude l’era di un James Bond interpretato da Daniel Craig. L’iconico agente segreto, tuttavia, dovrebbe ritornare.

007-No Time to Die è un film del 2021 diretto (e co-scritto) da Cary Joji Fukunaga e scritto da Ian Fleming, Robert Wade, Neal Purvis e Phoebe Waller-Bridge. Il film è il venticinquesimo capitolo della saga legata all’agente James Bond che vede per la quinta e ultima volta Daniel Craig nei panni dell’iconico agente segreto – dopo essere apparso in Casinò RoyaleQuantum of SolaceSkyfall e Spectre.

Tra gli attori troviamo: Ralph Fiennes, Jeffrey Wright, Ben Whishaw, Rami Malek, Daniel Craig, Naomie Harris, Christoph Waltz, Gordon Alexander, David Dencik, Léa Seydoux, Ana de Armas, Rory Kinnear, Billy Magnussen, Coco Sumner, Amor Evans, Lashana Lynch, Brigitte Millar, Dali Benssalah, Michael Herne e Lourdes Faberes.

Allora online

James Bond ha lasciato i servizi segreti e si gode una vita tranquilla in Giamaica. La sua pace, però, dura poco: ben presto, al suo cospetto si palesa il vecchio amico Felix Leiter, agente della Cia, chiedendo aiuto. La missione, tesa a salvare uno scienziato rapito, si rivelerà molto più insidiosa del previsto e porterà Bond sulle tracce di un misterioso criminale armato di una nuova pericolosa tecnologia.

Vogue

No Time to Die ha ottenuto da parte della critica un ottimo risultato, se si considera il minore punteggio dato al titolo precedente Spectre – il quale ottenne un basso 6,5: 7,4 sull’IMDB.

L’ultimo titolo di 007, tuttavia, non ha avuto vita facile: prima dell’uscita e dopo la messa al cinema, il film ricevette parecchie critiche e polemiche. Spiccano il caso sull’introduzione della 007 nera – interpretata da Lashana Lynch – e circa il ruolo ‘solo al maschile’ di 007 stesso.

Nel primo caso, Lashana Lynch è stata costretta a sospendere i suoi account social per qualche giorno nel tentativo, a suo dire, di arginare commenti e messaggi che di critica costruttiva avevano ben poco. L’attrice ha affidato le sue preoccupazioni ad una intervista concessa a Hollywood Reporter, affermando: “La cosa che più mi scoraggia non è tanto la cattiveria, quanto la tristezza. La gente non sta reagendo a me come persona ma sta reagendo ad una idea che non ha nulla a che vedere con la mia persona o la mia vita”. “Sono una donna nera. Se avessero ingaggiato una qualunque altra donna nera per questo ruolo, la reazione sarebbe stata identica. Stareste avendo questa stessa conversazione con lei, parlando degli stessi attacchi”.

La decisione di introdurre una 007 donna, però, dopo aver visto il film è chiara: Il James Bond di Daniel Craig era – temporaneamente – lontano dalle scene e questo ha lasciato il titolo di Agente 007 vacante all’interno del MI6. Quindi non si tratta di un nuovo Bond ma di un nuovo agente doppio zero. Diciamo che Lynch ha ereditato il ‘distintivo’ precedentemente appartenuto a Bond (concetto che sarà rimarcato dalle parole dell’attrice, nel film, “E’ solo un numero”).

Cinematographe

Il secondo caso, riguarda l’idea di dare ufficialmente il ruolo di 007 ad una donna. Con l’uscita di scena di Daniel Craig, Bond non ha un volto e ciò ha portato femministe e puristi a domandare se non fosse venuto il momento di una ‘Bond donna’ – com’è capitato, per esempio, con il personaggio di Doctor Who. Per Barbara Broccoli,  la produttrice della saga, però, non ha senso declinare l’universo di 007 al femminile: “E’ un ruolo pensato per un uomo”.

L’era di Daniel Craig come James Bond, dunque, si è conclusa ma “James Bond ritornerà” – citando il finale del film.

Fonte immagine in evidenza: Cinematographe

Pro

Contro

Fondatore della pagina. I miei interessi principali sono la tecnologia, la scienza e gli anime. Il mio obbiettivo? Trasmettere la mia passione ai miei visitatori.

Share This Post

Like This Post

0

Related Posts

Top Reviews

Create a review to display it here.

Recent Comments

example-380x300-rounded

Editor Picks