Close

Login

Close

Register

Close

Lost Password

Carnival Row, la nostra recensione in merito

Carnival Row, il fantasy di Amazon Prime che diventa denuncia del razzismo e dell’apartheid.

Carnival Row è il quartiere più mal famato di una cittadina dell’ottocento, in cui avvengono la maggior parte dei traffici dei fatati (ossia esseri non umani come fauni e fate) che devono sopravvivere ad un mondo che li odia e li schiavizza in ogni modo possibile. La serie è un noir-fantasy che si presenta, infatti, fin dall’inizio, molto realistica nelle sue dinamiche -pur parlando di esseri fatati ed altre figure mitologiche.

I protagonisti sono due ex amanti di due fazioni, i quali vivono il razzismo che regna nella loro realtà: da una parte abbiamo un poliziotto, interpretato da Orlando Bloom, che combatte il razzismo dei suoi colleghi e dei suoi simili; dall’altra, una fata, interpretata da Cara Delevigne, che – dopo essere fuggita dalla guerra – si ritrova a scegliere tra la via della prostituzione e la via della servitù, per riscattare il suo status di profuga di guerra (causata degli uomini).

Il Bosone

La serie tratta vari argomenti sociali attuali come l’immigrazione, il razzismo, il concetto di amore che supera ogni forma di barriera etnica o, in questo caso, razziale (tra umani e fatati) ed, al contempo, raffigura il politico come entità importante per fomentare od eliminare il ‘mal contento’ della massa.

La storia degenera quando un misterioso killer (della fazione dei fatati) fa la sua comparsa. Inizia così la ricerca del misterioso assassino, che porterà il poliziotto ad entrare sempre più dentro la realtà dei fatati e rincontrando la sua ex amata. Nel frattempo, attraverso un racconto corale, si vedranno le varie meccaniche sociali e politiche   simili a quelle viste in America con Malcom X e Martin Luter King.  I fatati, infatti, poiché obbligati dalle condizioni create dagli umani a lasciare la loro terra e una volta ghettizzati – usati come schiavi – creano vari movimenti clandestini per ribellarsi ad un governo corrotto e razzista che li vuole solo sfruttare. 

Un ‘altra ottica interessante è quella dei fatati ricchi, che tentano di subentrare nella società pur essendo discriminati per la loro razza. Tra intrighi di potere, un caso avvolgente ed una morale neanche molto celata, la serie merita un 8 nonostante non sia consigliata ad un pubblico di minori a causa di molte scene crude che la rendono molto realistica e drammatica.

La serie è possibile vederla su Amazon Prime Video, disponibile con l’abbonamento ad Amazon Prime. Vi ricordiamo che è possibile usufruire del mese di prova gratuito a tutto il pacchetto Amazon Prime da questo link. E, se sei uno studente, puoi approfittarne addirittura per 3 mesi, e avrai anche uno sconto sull’abbonamento annuale. Tutte le informazioni su Amazon Prime le puoi trovare nella nostra recensione.

Per news, recensioni ed altro: RassegnaSerale

Fonte immagine in evidenza: Optimagazine

Pro

Contro

Fondatore della pagina. I miei interessi principali sono la tecnologia, la scienza e gli anime. Il mio obbiettivo? Trasmettere la mia passione ai miei visitatori.

Share This Post

Like This Post

0

Related Posts

Top Reviews

Create a review to display it here.

Recent Comments

example-380x300-rounded

Editor Picks