Close

Login

Close

Register

Close

Lost Password

SPID, l’identità digitale adesso si paga ‘dappertutto’

Lo SPID, alla fine, si deve pagare ‘dappertutto’ per averlo. Poiché, inoltre, serve sempre di più, si è costretti ad averlo.

Anche l’ultimo baluardo del ‘gratis’ per lo SPID è caduto. Il riconoscimento personale diventa a pagamento.

L’ultimo ‘fornitore’ (provider) che forniva l’identità digitale gratis era Poste Italiane, che ha fissato, a partire da novembre, un costo di 12 euro. (Poste continuerà a offrire gratuitamente alcune modalità per il riconoscimento da remoto).

SiciliaNews24

Ricordiamo che SPID è il sistema pubblico di identità digitale che permette a cittadini e imprese di accedere ai servizi online della pubblica amministrazione con un’identità digitale unica.

I cittadini possono scegliere tra sei gestori per la richiesta dello SPID, ma Poste Italiane – vista la sua diffusa presenza su tutto il territorio nazionale e poiché lo forniva gratis – è stato il fornitore più utilizzato con 17,1 milioni di SPID attivati (5,3 milioni nel 2021) e una quota di mercato dell’80%.

Adesso che anche Poste farà pagare una quota, ovviamente, si leveranno polemiche.

Alcune associazioni di consumatori, infatti, hanno già lamentato il passaggio a pagamento di questo sistema di riconoscimento, che fino a ottobre Poste ha fornito gratuitamente. «La conseguenza» sostiene Aduc «è che una persona poco pratica con le odierne tecnologie e che non ha modo di farsi aiutare è costretta a pagare 12 euro in agenzia postale».

Fonte immagine in evidenza: QDMNotizie

Per news, recensioni ed altro: RassegnaSerale

Pro

Contro

Fondatore della pagina. I miei interessi principali sono la tecnologia, la scienza e gli anime. Il mio obbiettivo? Trasmettere la mia passione ai miei visitatori.

Share This Post

Like This Post

0

Related Posts

Top Reviews

Create a review to display it here.

Recent Comments

example-380x300-rounded

Editor Picks