Close

Login

Close

Register

Close

Lost Password

Lo sport come strumento di propaganda politica?

Lo sport è visto, da alcune persone, non solo come una semplice manifestazione sportiva fra Nazioni ma anche come strumento di propaganda politica su uno o più temi. Analizzando questa visione in chiave storica, la propaganda politica nello sport entrò nel vivo durante gli anni ’30 nel periodo Fascista. Mussolini, infatti, “vide” nel mondiale in Italia del ’34 un mezzo per esaltare il Fascismo. Egli venne imitato, successivamente, da Hitler nel ’36 durante le Olimpiadi di Berlino.

Molti regimi utilizzarono i tifosi come mezzo per espandere le varie dittature. Nella Germania nazista, ad esempio, si distribuivano bandiere con la svastica ai tifosi di altre nazioni che venivano appositamente per assistere alle competizioni. Nel 1938 durante i mondiali di calcio in Francia, l’Italia si presentò con le cosiddette “camicie nere” al posto della classica maglia azzurra come chiaro esempio di propaganda del regime fascista.

Fonte foto: Il Fatto Quotidiano

Avvenimenti successero anche durante la guerra fredda. A causa delle crescente rivalità fra le nazioni occidentali e quelle filo-sovietiche si verificarono, in alcuni casi, episodi di tensioni ed utilizzo della violenza. In particolar modo, ovviamente, tra le due super potenze stesse: Stati Uniti e Unione Sovietica. La FIFA e le organizzazioni sportive, tuttavia, fecero di tutto per far svolgere gli eventi in maniera serena.

Al giorno d’oggi, il tema dell’invasione politica nel mondo dello sport è tutt’altro che chiusa. Ancora oggi si può parlare di sport che viene usato come strumento di propaganda politica, nel senso più ampio del termine politica. Con la diffusione dei movimenti Pro LGBTQ+ o il BLM che combatte la violenza razziale nei confronti dei neri, lo sport sta dividendo l’opinione pubblica su quanto sia lecito o meno che la politica si intrometta.

Tra i casi più recenti, bisogna ricordare le tensioni venutosi a creare tra UE ed Ungheria, a seguito della legge di quest’ultima contro la propaganda LGBTQ+. Questa tensione ha invaso il mondo dello sport quando si è chiesto di illuminare lo stadio dell’Allianz Arena con i colori arcobaleno, richiesta però negata dalla stessa UEFA, che ha visto in tale azione una mossa politica.

Fonte foto: Wikipedia

Analoghe discussioni, sempre nel mondo del calcio, si sono presentate circa l’azione di inginocchiarsi da parte degli atleti. Prima del fischio d’inizio, infatti, alcuni di loro hanno scelto di dare supporto al movimento BLM emulando il gesto che lo contraddistingue. Altri, invece, non hanno agito, scatenando le ire dei sostenitori e venendo bollati come “trogloditi”. In questo modo, però, con epiteti o insulti, si vanno a minare quelli che dovrebbero essere gli stessi principi che muovono questi movimenti. La libertà di potersi esprimere senza essere giudicati. Poiché criticare un inginocchiarsi ad inizio competizione non vuol dire criticare il movimento o le sue idee.

Seppur vero che il mondo dello sport è vittima della propaganda politica, è questa stessa, però, che ha portato alla luce problemi della società o ne ha risolti altri: Bartali che nascondeva documenti falsi per gli ebrei durante la guerra, o Mohammad Alì che si schierò nettamente contro la guerra in Vietnam, o Tommie Smith che alzò il pugno contro il cielo a rivendicare la tutale dei diritti delle popolazioni afroamericane. Quindi non possiamo affermare che l’intromissione del sociale all’interno dello sport abbia sempre portato qualcosa di negativo. D’altronde l’uomo è un animale sociale, e tale lo è in tutto ciò che compie.

Sarebbe corretto, a questo punto, cercare di allontanare la politica dallo sport?

Fonte immagine copertina: sociologicamente

Pro

Contro

Fondatore della pagina. I miei interessi principali sono la tecnologia, la scienza e gli anime. Il mio obbiettivo? Trasmettere la mia passione ai miei visitatori.

Share This Post

Like This Post

0

Related Posts

Top Reviews

Create a review to display it here.

Recent Comments

example-380x300-rounded

Editor Picks