Close

Login

Close

Register

Close

Lost Password

Scontro tra Orban e i Leader Ue sui diritti LGBTQ+

Continua lo scontro fra il leader ungherese Orban e i leader UE in merito alla legge sull’omosessualità varata dal parlamento di Budapest. Da un lato 17 capi di Stato e governo (tra i quali Mario Draghi),che hanno sottoscritto una dichiarazione di condanna di qualunque forma di discriminazione a sfondo sessuale, dall’altro Viktor Orban, arrivato a Bruxelles proprio in occasione del vertice UE, il quale ha ribadito che non intende ritirare il provvedimento, non giudicandolo discriminatorio.

Orban non cede: «L’Ungheria non discrimina gli omosessuali, non la ritirerò», «Non abbiamo una legge contro l’omosessualità in Ungheria. Abbiamo una legge che difende genitori e bambini. È sempre meglio leggere prima e poi reagire».

Ha ricordato di aver «lottato per la libertà sotto il regime comunista, anche per i diritti gay» e ha insistito dicendo che «non si tratta di omosessualità», dicendosi disponibile al confronto. Ma non ritirerà la legge, «già approvata e in vigore».

Orban ha precisato di aver risposto in questi termini ai leader che lo hanno criticato.

La legge, che vieta la diffusione di qualunque contenuto (libri, film, programmi tv) destinato ai minori che contenga qualunque messaggio non eterosessuale, è stata messa sotto accusa dalla Ue attraverso una dichiarazione ufficiale della presidente Ursula Von der Leyen. Netta la sua posizione: “Questa legge discrimina chiaramente le persone sulla base del loro orientamento sessuale“.

Duro anche l’attacco di Orban: “La dichiarazione della presidente della Commissione europea” sulla presunta legge anti-Lgbtq+ ungherese “è una vergogna perché si basa su accuse false” di “un’opinione politica faziosa” e non sono precedute da “un’indagine imparziale”.

Orban ha inoltre sottolineato come questo tema “non sia nell’agenda” del Consiglio europeo. Si è comunque detto “a disposizione di chiunque, rispettando l’Ungheria” facesse domande “sulla nuova legge”. Ma non ci sarà un dietrofront.

Alle critiche dell’Europa si sono aggiunte quelle dell’Onu, conforme al pensiero dell’UE. L’Europa è un progetto di pace, di tolleranza e di diritti.

Pro

Contro

Fondatore della pagina. I miei interessi principali sono la tecnologia, la scienza e gli anime. Il mio obbiettivo? Trasmettere la mia passione ai miei visitatori.

Share This Post

Like This Post

0

Related Posts

Top Reviews

Create a review to display it here.

Recent Comments

example-380x300-rounded

Editor Picks