Close

Login

Close

Register

Close

Lost Password

Il reattore 4 ha ripreso la scissione a Chernobyl, è allarme.

Il reattore 4 ha ripreso la scissione a Chernobyl. Questo ha scatenato allarme, nonché la paura che possa riavvenire un disastro come successo trentacinque anni fa.

La storia del disastro

Il disastro di Chernobyl, avvenuto il 26 aprile 1986 alle ore 1:23 presso la centrale V.I.Lenin, è stato il più grave incidente nucleare della storia. Durante un test definito “di sicurezza” al reattore n.4 della centrale V.I. Lenin, situata in Ucraina Settentrionale, il personale si rese responsabile di alcune manovre azzardate e della violazione di diversi protocolli e norme di sicurezza. Questo ha causato un repentino aumento della potenza del nocciolo del reattore. Furono errori banali, probabilmente frutto di una scarsa consapevolezza dei danni che avrebbero potuto provocare. Ricordato oggi come una tragedia sia per l’intensità dell’esplosione, sia per le terribili conseguenze che ebbe sulla popolazione ucraina ed europea.

L’incidente nucleare di Chernobyl è stato classificato come catastrofico con il livello 7 della scala INES dell’IAEA. Finora è stato raggiunto solamente nel 2011 dal disastro della centrale di Fukushima Dai-ichi. Il Numero di decessi e vittime della tragedia di Chernobyl sono ancora, a 30 anni dall’accaduto, tutte da definire; di certo si tratta di una delle pagine più nere della storia contemporanea.

Le misure di precauzione

Per contenere il reattore 4 venne edificato un «sarcofago» costruitogli intorno un anno dopo l’incidente. Il problema che si è venuto a creare oggi è che Il reattore 4 ha ripreso la scissione lì a Chernobyl.

L’ipotesi è quella che con l’asciugarsi dell’Fcm (Fuel containing material in cui si trovano 170 tonnellate di uranio irradiato) siano più facili gli scontri fra neutroni e atomi di uranio. Se così fosse, la reazione di fissione potrebbe accelerare anche esponenzialmente, arrivando a rilasciare energia nucleare in modo non controllato. Non come quello che è avvenuto nel 1986, sottolineano gli scienziati ucraini. Sarebbe contenuta, ma potrebbe comunque far crollare alcune sezioni non stabili dell’edificio, rilasciando polvere radioattiva nella nuova struttura di protezione.

Il problema oggi

I sensori hanno registrato un numero crescente di neutroni, il segnale di una reazione di fissione nucleare, in arrivo da una delle stanze inaccessibili del reattore, ha spiegato Anatolii Doroshenko, dell’Istituto per i problemi di sicurezza degli impianti nucleari di Kiev.

Gli scienziati del governo ucraino stanno cercando di capire se queste reazioni si esauriranno da sole o se sarà necessario un intervento per scongiurare un incidente, anche se ovviamente non si parla di conseguenze paragonabili a quello che accadde 35 anni fa ma di un evento molto più contenuto.

Pro

Contro

Fondatore della pagina. I miei interessi principali sono la tecnologia, la scienza e gli anime. Il mio obbiettivo? Trasmettere la mia passione ai miei visitatori.

Share This Post

Like This Post

0

Related Posts

Top Reviews

Create a review to display it here.

Recent Comments

example-380x300-rounded

Editor Picks