Close

Login

Close

Register

Close

Lost Password

Palermo in zona rossa, violazione delle regole

Palermo è in zona rossa dopo la decisione del presidente della Regione Nello Musumeci, ma i cittadini violano le regole.

La decisione

Palermo, a differenza di tutta la Sicilia, è in zona rossa dal 7 Aprile fino al 22 (precedentemente era previsto fino al 14, poi prorogata), per decisione del presidente della Regione Nello Musumeci.

Ciò che ci si aspetta è una città deserta, o quasi, similmente al periodo dell’inizio della pandemia, ma basta farsi un semplice giro con la bici (per fare sport) e salta subito all’occhio che invece la città è abbastanza viva.

Le regole

Il regolamento durante la zona rossa prevede che “È vietato uscire da casa, se non per <comprovati motivi di lavoro, salute o necessità> da autocertificare. Divieto di spostamento, dunque, all’interno del proprio comune e ovviamente anche all’esterno o fuori regione, sempre che non sia giustificato e certificato.

Sempre in base al regolamento, le passeggiate sono consentite solo nei pressi delle proprie abitazioni.

Per ciò che concerne i negozi, il regolamento parla chiaro: “Chiusi i negozi di calzature e abbigliamento (tranne quelli per bambini) e i centri commerciali, aperti i negozi di generi alimentari, le edicole e altri beni di prima necessità, dalle farmacie alle tabaccherie ai prodotti di elettronica e le librerie. Consentito l’asporto e il domicilio in bar e ristoranti, il primo solo fino alle 18“.

www.esperonews.it

Il problema

Tante regole che i cittadini palermitani infrangono e senza subire una pena.

All’inizio della pandemia, quando ancora si stava nei balconi a cantare, chi tornava da lavoro poco dopo il coprifuoco veniva tacciato di violare le regole, adesso invece sono gli stessi palermitani (possibilmente gli stessi che prima accusavano) a violarle.

La particolarità che maggiormente sconvolge è la presenza inutile delle forze dell’ordine. Partendo da Via Oreto, percorrendo tutta Via Maqueda e giungendo fino a in Via Libertà, si possono notare i veicoli delle forze di polizia e dei carabinieri, ma questi non fanno nulla e non controllano se le regole vengono rispettate.

Ci si lamenta del Covid e delle restrizioni che esso causa e dei disagi, soprattutto economici, che porta. Ma, al contempo, si violano le stesse regole che mirano a far finire prima questa situazione. Verrebbe da dire solo due semplici parole: Ipocrisia e Vergogna.

Vergogna soprattutto alle forze dell’ordine che non eseguono il loro compito: far rispettare la legge.

Ipocrisia dei palermitani, perché per quanto sia vero che la situazione sta stancando, non è una giustificazione per violare la legge.

Il Sindaco dovrebbe, forse, agire. Almeno per quanto è nelle sue possibili facoltà…

Fonte immagine copertina: Diretta Sicilia

Pro

Contro

Fondatore della pagina. I miei interessi principali sono la tecnologia, la scienza e gli anime. Il mio obbiettivo? Trasmettere la mia passione ai miei visitatori.

Share This Post

Like This Post

0

Related Posts

Top Reviews

Create a review to display it here.

Recent Comments

example-380x300-rounded

Editor Picks