Close

Login

Close

Register

Close

Lost Password

Draghi definisce Erdogan dittatore. Turchia convoca ambasciatore italiano.

Mario Draghi definisce Erdogan un dittatore. Questo il termine usato oggi pomeriggio durante la conferenza stampa del Presidente del Consiglio.

Il premier, dopo essersi pronunciato sia sulle riaperture che sulla campagna vaccinale, ha voluto ricordare lo spiacevole caso ribattezzato col nome di “sofa-gate“. Avvenimento successo qualche giorno prima alla presidente della Commissione europea: Ursula Von der Leyen.

L’accaduto

Il caso citato fa riferimento all’incontro di mercoledì svoltosi in Turchia. Incontro tra il presidente della Turchia Erdogan, il presidente del Consiglio europeo Charles Michel e la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen. La Presidente, infatti, è rimasta senza sedia d’onore e si è dovuta accomodare su un divano a fianco di Erdogan e Michel, davanti l’interprete.

Fonte foto: CorriereDellaSera

Il Premier italiano si è dichiarato molto dispiaciuto per “l’umiliazione che la von der Leyen ha dovuto subire“.

Il PdC Mario Draghi aveva in conclusione rilasciato una dichiarazione. “Con dittatori come Erdogan bisogna essere franchi nell’esprimere la differenza di vedute, di comportamenti, di visioni, ma pronti a cooperare per assicurare gli interessi del proprio Paese“.

Foto presa dal discorso di oggi del Presidente del Consiglio

La risposta dalla Turchia

Mario Draghi definisce Erdogan dittatore, causando la risposta repentina dalla Turchia. Infatti è stato convocato l’ambasciatore italiano in Turchia, Massimo Gaiano, per eventuali chiarimenti. “Condanniamo con forza le inaccettabili parole del premier nominato italiano sul nostro presidente eletto“. Questa la dichiarazione scritta su Twitter da Mevlüt Cavusoglu, Ministro degli Esteri turco, definendo addirittura “impudenti” le parole di Draghi.

Fonte foto: HuffingtonPost

Le reazioni in Italia

Sono arrivati, allo stesso modo, sostegni da parte delle varie forze politiche del panorama italiano.

Il Ministro degli Esteri Luigi di Maio ha dichiarato: “coordineremo tutte quelle che sono le iniziative che si devono coordinare“. 

Solidarietà e stima per il presidente Draghi. […] Le intimidazioni e le discriminazioni del dittatore turco Erdogan sono inaccettabili” afferma Salvini.

Anche Giorgia Meloni si pronuncia. “Fratelli d’Italia denuncia da anni la deriva autoritaria e islamista della Turchia di Erdogan e chiede alla Ue di ritirare ad Ankara lo status di Paese candidato.”

Fonte immagine copertina: discorso tenuto oggi dal PdC Mario Draghi

Pro

Contro

Fondatore della pagina. I miei interessi principali sono la tecnologia, la scienza e gli anime. Il mio obbiettivo? Trasmettere la mia passione ai miei visitatori.

Share This Post

Like This Post

0

Related Posts

Top Reviews

Create a review to display it here.

Recent Comments

example-380x300-rounded

Editor Picks