Close

Login

Close

Register

Close

Lost Password

Vittoria della Treccani contro il “politicamente corretto”

Scontro <etico> che vede protagonisti l’enciclopedia Treccani contro il <politicamente corretto>

Treccani vs politically correct

Può sembrare un discorso <di destra>, ma oggettivamente è un discorso puramente culturale: l’enciclopedia Treccani assesta una dura lezione al politicamente corretto.

La vicenda è iniziata su Twitter, quando una giornalista della Reuters ha provato a riprendere l’enciclopedia Treccani rea, a suo dire, di riportare nel suo vocabolario un’espressione dal tono razzista come “lavorare come un negro”, chiedendo di rimuovere l’espressione.

La Treccani, però, non ci sta e risponde: “In un dizionario, non è soltanto normale ma è doveroso che sia registrato il lessico della lingua italiana nelle sue varietà e nei suoi ambiti d’uso: dall’alto al basso, dal formale all’informale, dal letterario al parlato, dal sostenuto al familiare e anche al volgare. Il dizionario, registra quanto viene effettivamente adoperato da parlanti e scriventi. Non siamo in uno Stato etico in cui una neolingua “ripulita” rispecchi il “dover essere” virtuoso di tutti i sudditi. Il dizionario ha il compito di registrare e dare indicazioni utili per capire chiaramente in quali contesti la parola o l’espressione viene usata. Starà al parlante decidere se usare o non usare una certa parola; se esprimersi in modo civile o incivile”.

Una lezione morale impartita dalla Treccani che, inoltre, segnala correttamente come la parola in questione <negro> “è avvertito o usato con valore dispregiativo” ma che non per forza è riferita all’etnia: In Mongibello a la focina negra (Dante); Vedova, sconsolata, in vesta negra (Petrarca); Sotto due negri e sottilissimi archi Son duo negri occhi (Ariosto); sogni et penser’ negri Mi dànno assalto (Petrarca); s’asside Su l’alte prue la negra cura (Leopardi).

Ora, a meno che non si voglia prendere quella che è la storia della cultura della lingua italiana e buttarla nel cestino, bisognerebbe smettere di fare del becero moralismo e bisogna anche limitare, ove possibile, l’utilizzo del politicamente corretto solo per <sbandierare> il concetto di inclusione.

Un esempio che ha fatto discutere l’opinione pubblica dell’utilizzo forzato del politicamente corretto, è stato il bacio gay inserito in una scena del film Star Wars – L’ascesa di Skywalker: escludendo quella parte di mentalità omofoba, il bacio in questione non ha alcun rilievo per la trama del film.

Molti hanno applaudito la scelta <moderna> di J.J. Abrahams e la sua apertura verso il mondo LGBT, ma alcuni hanno commentato la scena confermando il filone di pensiero “in realtà il bacio non c’entrasse nulla con la trama” ed altri commentatori si sono lamentati del fatto che il bacio sia stato un semplice contentino per il mondo arcobaleno. Affermazione che tiene conto del fatto che la scena durerà in totale al massimo 3 secondi.

E non è l’unico esempio: il film live-action diretto da Rob Marshall, La Sirenetta, ha dovuto affrontare durissime polemiche sul fatto che Ariel, la sirena è stata interpretata da Halle Bailey, una afro-americana dalla pelle scura.

Nessuno vuole mettere in dubbio le doti di Halle Bailey, ma la critica si è fiondata sul fatto che la scelta dell’attrice “risulti un affronto per la fanbase e un tradimento rispetto all’opera originale”. Inoltre, quando si parla di <originale> non ci si riferisce solo al cartone animato Disney del 1989, ma anche alla fiaba del 1837 scritta da Hans Christian Andersen. La tesi, che spieghi la critica, è che Andersen, un danese, pur non descrivendo nei dettagli l’aspetto fisico del suo essere fantastico, non avrebbe mai potuto immaginare una sirena dalla pelle scura.

Si dice, purtroppo, in giro che le compagnie non tengono conto di queste critiche, ma fino a che punto sarà cosi? Escludendo quel pubblico a cui non interessa minimamente il politicamente corretto, molti potrebbero, non andando al cinema, far fallire quello che oggettivamente potrebbe essere un ottimo film ma <macchiato> dal politicamente corretto.

Pro

Contro

Fondatore della pagina. I miei interessi principali sono la tecnologia, la scienza e gli anime. Il mio obbiettivo? Trasmettere la mia passione ai miei visitatori.

Share This Post

Like This Post

0

Related Posts

Top Reviews

Create a review to display it here.

Recent Comments

example-380x300-rounded

Editor Picks